Scardovelli - inconscio

“Tutto quello che vediamo fuori, in realtà è dentro”

Esiste una forza molto più potente del libero arbitrio: il nostro inconscio.

Pensieri

“Noi vediamo l’ego sempre fuori di noi. Ma questo pezzo fuori che possiamo chiamare A, corrisponde al nostro piccolo A che abbiamo dentro: una data situazione è rognosa solo perché è il simbolo di qualcosa che non abbiamo risolto. Allora, se vediamo che quello di fuori è semplicemente un simbolo, andiamo in quello interno… e guardiamolo in faccia.” (Mauro Scardovelli)

Fuggire è un ottimo metodo per non dover tollerare ciò che non va, la frustrazione, le incomprensioni, le difficoltà. Scappare, correre, svoltare, eliminare.

E’ che poi, a scappare, ci si porta sempre dietro se stessi. Come l’uomo di quella vignetta che, stanco di litigare con tutti, va a vivere nel deserto. E lì comincia a litigare con il primo cactus che incontra…

Non c’è modo di scappare da se stessi. E tutto quello che non viene RISOLTO, si ripropone, ancora e ancora e ancora. Anche in più vite probabilmente. Perché alla fine la cosiddetta REALTA’ non è che lo specchio di ciò che siamo. La realtà la creiamo. Ma non con un pensiero magico… semplicemente con l’inconscio.

Esiste una forza molto più potente del libero arbitrio:
il nostro inconscio.

Infiniti giri compiamo pur di non incontrare noi stessi, credendo che la soluzione sia fuori, in un altro luogo, in un altro lavoro, in un’altra persona… e ogni volta ci sorprendiamo a scoprire quanto nuovamente le forme si creino e si ricreino sempre uguali a se stesse.

Dobbiamo imparare a stare fermi.
A starci dentro.
A lasciar maturare una consapevolezza.
A non agire.
E ad avere la inamovibile fiducia che, cambiando dentro, il mondo fuori cambierà con noi.